Esate 2010: Sicilia parte seconda

Indice articoli

Partiamo il 29 luglio, è giovedì pomeriggio. Strategia inevitabile per non passare metà delle nostre vacanze sulla Salerno-Reggio Calabria in questo ultimo finesettimana di agosto. Come previsto

non troviamo code e neanche rallentamenti. Unico ingorgo di venti minuti a Villa San Giovanni a causa di un autobus fermo sotto una galleria. Alle 9.15 del 30 siamo già sul traghetto della Caronte. Questa volta facciamo il giro dell'isola al contrario rispetto al precedente viaggio (vedi), prendiamo così l'autostrada ME-PA, ci fermiamo x il camper service e proseguiamo in direzione Palermo. Usciamo a Brolo

Scarica i POI di questo viaggio, "Vacanze estive 2010", per il tuo navigatore nella sezione GPS  (è necessario essere registrati)

e ci fermiamo per un po' di spesa al Sidis. Primi arancini (qui vengono chiamati rustici) e pranzo. Lasciamo qui il camper ed arriviamo al centro. Il Castello è chiuso a quest'ora, ma un gentile dipendente ci fornisce utili informazioni sulla zona. Il primo consiglio che seguiamo è quello del caffè speciale del Bar dei Portici: meraviglioso!. Decidiamo di passare il primo pomeriggio al mare. Ci passiamo in realtà tutto il pomeriggio: la prima metà a cercare di rimettere su strada il camper che si è insabbiato nel parcheggio (errore commesso per parcheggiare all'ombra) e la seconda metà a cercare di catturare gli ultimi raggi di sole! Ad ora di cena ci spostiamo nel piazzale antistante il cimitero. Cena veloce e visita al Castello che fu residenza della Principessa Bianca Lancia. All'interno sono allestiti il Museo storico della pena e della tortura e il Museo delle fortificazioni costiere della Sicilia. In questo periodo viene organizzata la manifestazione "Medievalia", una serie di serate con rassegne di arte, cultura, scienza e musica. Mangiamo degli splendidi cannoli alla ricotta nella Pasticceria Raffaele. 31 luglio: lasciamo Brolo e ci addentriamo nel Parco dei Nebrodi, a San Marco d'Alunzio. Meriterebbe una visita più accurata ma il tempo non è un granché così ad ora di pranzo e dopo un breve giro ci spostiamo verso Carini. Lasciamo abbastanza lontano dal Castello il camper, a circa 800 metri, ma più vicini è impossibile. Visitiamo il ben noto maniero, testimone secoli fa dell'“Amaro caso della Baronessa di Carini”. È aperta da pochi mesi al pubblico la stanza del delitto, dove sono state impresse proprio nel punto esatto dell'omicidio delle macchioline di vernice rossa. Ci informano che sono in corso gli esami del DNA per stabilire se compatibile con uno degli eredi della famiglia che aveva abitato il Castello all’epoca dello storico crimine. Il belvedere del è imperdibile. Giro della città e pausa gelato in piazza, meraviglioso quello al gelso nero. Di ritorno dal castello ci colpisce il tipo di insegna delle macellerie di Carini: qui si chiamano "carnezzerie". Entriamo nella "carnezzeria" di Giuseppe e Francesco in corso Garibaldi ed acquistiamo i calzoni (prosciutto cotto e mozzarella in un involucro di carne trita panata) e della salsiccia al limone. Purtroppo assaggiamo il tutto ormai lontani da Carini: ci pentiamo di non aver abbondato con le quantità e di non aver aggiunto altre prelibatezze! Nuovo spostamento verso Erice. Per arrivare fin su il tom-tom ci fa percorrere una strada strettissima, attenzione quindi a chi usa un navigatore! In Sicilia è meglio tener d'occhio anche lo stradario: le strade sono molto spesso inadatte ai camper. Parcheggiamo vicino Porta Spada dove stazionano già altri camper (P gratuito ma i posti liberi non sono molti, quasi tutti sono a pagamento, camper 1.50€/h. oppure 10€ al giorno). Ci immergiamo in una Erice by night, molto bella ma fa veramente freddino.

Brolo
Brolo Brolo
Brolo
Brolo Brolo
Carini
Carini Carini
Carini
Carini Carini
Carini
Carini Carini
San Marco d'Alu...
San Marco d'Alunzio San Marco d'Alunzio
Erice
Erice Erice
Erice
Erice Erice
Erice
Erice Erice

Tags:

Siete curiosi di sapere cosa succede quando un camperista viene discriminato ingiustamente?

 

Giorgio Camporese: in campo con l'ANCC perché viaggiare tutelati è tutta un’altra vita

GIORGIO CAMPORESE: TEMPI CUPI PER I SINDACI SCERIFFO

Giorgio Camporese: Come prepararsi per un viaggio sicuro in camper

© 2024 Kiala, viaggi in camper. All Rights Reserved. Designed By JoomShaper I contenuti del sito sono di proprietà dell'autore, ne è vietato qualsiasi utilizzo da parte di terzi, senza il preventivo consenso scritto del titolare.